Vai ai contenuti

Azioni concrete e Soluzioni per Aiutare la Scherma Italiana ai tempi del Covid-19

ItaliaScherma
Pubblicato da in tutte le categorie · 24 Marzo 2020
Al Consiglio Direttivo
 
della Federazione Italiana Scherma
 
Al Presidente del CONI
 
Alle Società Sportive Tesserate
 
Ai Maestri di Scherma
 
Agli Arbitri
 
Alle Famiglie
 
 
Azioni concrete e Soluzioni per Aiutare la Scherma Italiana ai tempi del Covid-19
 
 
Carissimi,
 
il dramma che sta attraversando l’intero pianeta, ed il nostro paese in particolar modo, ci pone dinnanzi ad una realtà che mai avremmo potuto immaginare, con conseguenze familiari, sociali ed economiche ancora tutte da definire nella loro gravità e dimensione.
 
In tale funesto contesto, vorremmo rivolgere il nostro pensiero e la nostra vicinanza a tutti coloro che, nel mondo ed in particolate nella scherma italiana, hanno subito la perdita di qualche congiunto, a questi    rivolgiamo il nostro più sincero sentimento di cordoglio.
 
In questa difficile situazione il team di ItaliaScherma ha cercato di lavorare affinché, si possano individuare soluzioni davvero efficaci che possano dare sollievo alle mille difficoltà, che tutto il mondo della scherma italiana vive e vivrà, a seguito della pandemia.
 
A tal proposito non riteniamo assolutamente accettabile il comportamento del Consiglio Federale che nell’inerzia totale ha lanciato tardive ed insufficienti comunicazioni.
 
Come ormai noto tutte le attività agonistiche sono sospese dallo scorso 6 marzo ed è evidente che il Consiglio Federale si troverà a dover gestire una “Enorme Liquidità” senza precedenti, considerando il totale delle spese annuali previste per l’Attività Sportiva Centrale pari a circa 7,6 mln di euro.
 
La stessa quindi può quantificarsi ragionevolmente in circa 1,5 mln di euro, se non oltre
 
Tali risparmi sono riconducibili a circa tre mesi di gare che non sono/saranno svolte con risparmi per mancate spese per:
 
·         Allestimenti luoghi di gara;
 
·         Costi per allenamenti e stages (Viaggi, Soggiorni, Gettoni di presenza)
 
·         Viaggi e spese di soggiorno di tutti gli atleti di tutte le armi per le gare all’estero
 
·         Viaggi e spese di soggiorno dei rappresentanti del Consiglio Federale in Italia ed all’estero
 
·         Spese per viaggi e soggiorni delle Commissioni
 
·         Spese per la convocazione degli Arbitri;
 
·         Altre voci di spesa da quantificare
 
in una situazione così difficile ci aspettiamo che vengano messe in atto iniziative concrete a sostegno di tutti gli stakeholder del mondo della Scherma italiana evitando “fumose” affermazioni non quantificabili.
 
               ItaliaScherma quindi con questa lettera aperta intende dare precise indicazioni su come supportare realmente il movimento schermistico italiano con proposte concrete:
 
1.       € 1000,00 di erogazione ad ogni società di scherma regolarmente iscritta alla data del 1 marzo 2020;
 
2.       € 500,00 di contributo per ogni tecnico regolarmente tesserato alla FIS. La misura dovrà essere erogata per il tramite il club presso il quale il tecnico presta la propria attività non essendo previsto un albo dei Tecnici realmente in attività;
 
3.       € 350,00 di erogazione a tutti gli Arbitri Internazionali che abbiamo arbitrato almeno una gara all’estero nell’attuale stagione agonistica;
 
4.       € 200,00 di erogazione a tutti gli Arbitri Nazionali che abbiano arbitrato almeno una gara Nazionale nella stagione corrente;
 
5.       € 100,00    di erogazione a tutti gli Arbitri regionale che abbiano arbitrato almeno una gara regionale nella stagione corrente;
 
6.       Eliminare il pagamento del doppio tesseramento dei Tecnici qualora siano già tesserati FIS come Dirigenti o atleti
 
7.       Liquidazione immediata di tutti i rimborsi spese ancora in sospeso (Arbitri, Maestri, staff Medico ecc);
 
8.       Estensione del tesseramento in corso sino al 31 agosto 2021
 
9.       Recupero con accorpamento delle competizioni annullate /sospese entro il 15 luglio 2020
 
10.   Iscrizione gratuita alle gare della stagione agonistica in corso che verranno recuperate
 
11.   Considerando i numerosi annullamenti di gare, garantire il diritto di voto agli affiliati a prescindere dal requisito della partecipazione alle gare
 
12.   Previsione di un sostegno ai club che abbiano assunto impegni di spesa per l’organizzazione di gare successivamente annullate pari al almeno il 50% delle spese documentate
 
Infine auspichiamo che il Consiglio Federale (non ogni singolo club) in rappresentanza della Federscherma contragga un Mutuo con il Credito Sportivo per fronteggiare e sostenere le esigenze delle sale di scherma a causa dell’emergenza sanitaria in corso;
 
ItaliaScherma inoltre come evidenziato sul proprio sito www.italischerma.it ha attivato uno sportello di consulenza fiscale, amministrativa e legale a supporto di tutti coloro che ne avranno necessità a tal proposito si sottolinea la gratuità dell’iniziativa.
 
               Ci spiace infine notare come nella lettera inviata dal presidente Scarso ai Maestri di Scherma concernente l’aumento dei premi agli stessi, il totale di detti premi sia di gran lunga inferiore a quanto erogato solo per i CT che risultano tutti già stipendiati dallo Stato.
 
               Con l’augurio di rincontraci tutti al più presto sulle pedane da scherma vi salutiamo cordialmente
 
 
Il Team di ItaliaScherma


1 commento
Voto medio: 115.0/5
Gianni Sperlinga
2020-03-24 15:58:18
Si spera in un sussulto di buonafede per smussare eventuali divergenze ma purtroppo , con le parole di Foscolo (particolarmente calzanti in questo periodo di Coronavirus) : ....anche la speme, ultima dea, fugge i sepolcri...
Created with WebSite X5
Home | Obiettivi |   Chi siamo   |   Temi   |   Contatti
La Federazione è la Tua CASA
Privacy Policy
Torna ai contenuti